venerdì 23 febbraio 2018

SCHWARZER ENGEL - Kult der Krähe

"Kult der Krähe"

Release Date: February 23, 2018

Label: Massacre Records

Country: Germany

Genre: Dark/Gothic Metal

Track List:
1. Krähen an die Macht
2. Viva la Musica
3. Gott ist im Regen
4. Sinnflut
5. Futter für die See
6. Mein glühend Herz
7. Ein kurzer Augenblick
8. Meerflucht
9. Requiem
10. Unheil
11. Wenn mein Herz zerbricht (Digipak Bonus)


Anticipato dal lyric video della traccia “Sinnflut", tornano gli angeli neri di Stoccarda SCHWARZER ENGEL con il nuovo album Kult der Krähe.

Provando con tutte le loro forze ad esportare il loro sound fuori dai confini teutonici, gli SCHWARZER ENGEL hanno maggiormente sintetizzato il suono rendendolo più incline alla mutazione genetica verso il sinfonico, con stacchi ariosi e backing vocals dalle linee fiabesche.
Senza rinunciare al loro stile, i tedeschi hanno optato per una forma più matura ed una produzione più complessa; i ritornelli rimangono sempre molto accattivanti, con un potenziamento dei riff che conferiscono quel pizzico di hard rock, pur rimanendo nei ranghi dell’industrial metal dei mitici Orgy.

Creditori di un successo che stenta a decollare, anche per questa volta una sufficienza un po' risicata.

6.5/10
Michela (Anesthesia)


LINE-UP
Dave Jason - Vocals, Guitars, Programming
Vincent Hübsch - Guitars
Timo Joos - Guitars
Bert Oeler - Bass
Carlo Schmidt – Drums


giovedì 22 febbraio 2018

NORTHWARD feat. Floor Jansen & Jørn Viggo Lofstad firmano per Nuclear Blast!


Durante la 'All Star Jam' al Progpower USA Festival del 2007, l’attuale cantante dei NIGHTWISH Floor Jansen e il chitarrista dei PAGAN'S MIND Jørn Viggo Lofstad hanno spontaneamente unito le loro forze sul palco per interpretare alcune cover; immediatamente si sono accorti della magia creativa tra di loro. Benché i due musicisti non si fossero mai incontrati prima, hanno presto scoperto il loro comune amore per l’hard rock e hanno deciso di scrivere delle canzoni assieme. Nel 2008, conoscendosi appena, hanno composto un intero album. A causa dei rispettivi impegni professionali, il loro progetto NORTHWARD non ha mai potuto vedere la luce del sole… almeno fino ad oggi!  

Nel 2017, anno di pausa per i NIGHTWISH, Floor ha contattato il suo vecchio amico Jørn Viggo, per vedere se fosse interessato a resuscitare i NORTHWARD. "Jørn Viggo ha risposto in maniera positiva e abbiamo iniziato a pianificare il tutto. Ci siamo incontrati lo scorso marzo in Svezia e abbiamo rimesso mano al materiale per vedere se fossimo ancora soddisfatti del risultato", ricorda Floor Jansen.

Ben lontano da qualsiasi confine di genere, il suono dei NORTHWARD è potente, euforico e vicino alla tradizione di SKUNK ANANSIE, FOO FIGHTERS e ALTER BRIDGE, ma anche di band più vecchie come DEEP PURPLE e LED ZEPPELIN. È musica che va dritta al punto ed è senza compromessi.

Con l’aiuto del produttore Jacob Hansen (VOLBEAT etc.) e liberi dalle influenze musicali delle rispettive band, hanno forgiato un raro diamante composto da riff pesanti e dalla voce inconfondibile di Floor. Benché le canzoni siano state scritte nel 2008, suonano fresche e vitali ancora oggi. “La musica è melodica, ma anche in your face e cazzuta. Bei riff, buone melodie, arrangiamenti eleganti. Ci piace definirla semplicemente ‘buona musica’”, ha commentato la cantante. “Abbiamo voluto esplorare il suono rock basilare con batteria, basso, chitarra e voce, senza strati di tastiere, cori, ecc.”.

Floor Jansen e Jørn Viggo Lofstad, sono accompagnati da Morty Black (TNT) al basso, mentre la batteria è stata suonata da Django Nilsen e Stian Kristoffersen (PAGAN'S MIND). Ci sono anche la sorella di Floor, Irene Jansen, che duetta su ‘Drifting Islands’ e Ronny Tegner dei PAGAN'S MIND che ha suonato il piano in un brano. 

Quest’anno i NORTHWARD pubblicheranno l’album di debutto su Nuclear Blast. Floor Jansen dichiara: "Siamo felici ed eccitati all’idea di pubblicare questo disco rock su Nuclear Blast. Hanno accettato la sfida di presentare al mondo questo album non metal, credendo in noi come musicisti e per amore della buona musica. Abbiamo messo cuore e anima in questo disco. Ne siamo molto orgogliosi e non vediamo l’ora di farvelo ascoltare!”.  


AMORPHIS – svelano i dettagli del nuovo album!


Gli AMORPHIS hanno finalmente concluso le registrazioni del loro prossimo album in studio, intitolato “Queen Of Time”. Il disco verrà pubblicato il 18 maggio da Nuclear Blast. Rispetto al suo predecessore “Under The Red Cloud” (2015), questo lavoro vede l’inserimento di flauti, strumenti a corda, arrangiamenti orchestrali e persino un coro. Inoltre per la prima volta sarà possibile ascoltare l’autore dei testi, Pekka Kainulainenon, che contribuisce al disco con un discorso in finlandese!

Oggi la band svela altri dettagli sulla produzione, sul titolo, sulla copertina e sul ritorno del nuovo/vecchio bassista Olli-Pekka Laine.

Ancora una volta l’album è stato prodotto dal celebre Jens Bogren (OPETH, AMON AMARTH, KREATOR, e altri), ben conosciuto per la sua capacità di sfidare e motivare gli artisti durante il processo di registrazione. Egli non ha di certo paura di far sì che i musicisti oltrepassino i propri limiti!

Esa commenta: "Ritengo che ‘Queen Of Time’ abbia rappresentato una grossa sorpresa anche per noi. Durante le prove e la pre-produzione non avevamo idea che Jens avesse già in testa il quadro generale. È una naturale continuazione di ‘Under The Red Cloud’, ma con gli steroidi. Le canzoni sono più aggressive, ma al tempo stesso sono presenti più parti dinamiche, armonie e arrangiamenti orchestrali. Il risultato sono gli AMORPHIS come non li avete mai ascoltati prima! Essenzialmente lavorare con Jens è stato eccellente. Come persona è molto simile a noi: abbiamo il medesimo strano senso dell’umorismo e non ci spaventa lavorare duramente”.

L’artwork, che è stato realizzato ancora una volta dall’artista francese Jean ”Valnoir” Simoulin - Metastazis, cattura perfettamente il feeling dei testi e della musica. Attraverso le parole dell’autore dei testi Pekka Kainulainen, il tema lirico è universale: “Le culture nascono, si sviluppano e vengono distrutte. La storia dell’uomo consiste nel ricercare, trovare e dimenticare. Una singola scintilla può incendiare il mondo, una singola idea può far nascere una cultura. Il più grande può stagnare nell’insignificanza, il più piccolo può possedere il potere del cambiamento. I testi dell’album sono echi distanti di antichi popoli delle foreste, appartenenti a un’epoca in cui il senso delle cose era proporzionato all’energia cosmica che governa la nascita e la morte. Se si perdeva il legame, cercavano un filo di conoscenza, trovavano una nuova direzione e rinasceva una nuova era”.

Queen Of Time” vede inoltre il ritorno del vecchio/nuovo bassista Olli-Pekka 'Oppu' Laine, che sostituisce Niclas Etelävuori, uscito dal gruppo nel 2017. Oppu è uno dei membri che fondarono la band nel 1990 e ha registrato sette dischi con gli AMORPHIS (“The Karelian Isthmus” LP, 1992; “Privilege Of Evil” EP, 1993; “Tales From The Thousand Lakes” LP, 1994; “Black Winter Day” EP, 1995; “Elegy” LP, 1996; “My Kantele” EP, 1997 e “Tuonela” LP, 1999), prima di separarsi dal gruppo nel 2000.

"A essere onesti 'Oppu' era l’unico che avremmo immaginato negli AMORPHIS. È stato divertente: quando abbiamo suonato i primi concerti assieme la scorsa estate c’era un clima davvero familiare. È stato coinvolto negli arrangiamenti delle canzoni e ha anche portato in tavola delle ottime idee!”, racconta Esa. Oppu aggiunge: "Lo scorso anno con gli AMORPHIS è stato eccitante, nostalgico e divertente, ma al tempo stesso è stato anche confortevole essere di nuovo coi ragazzi. Sarà un cliché, ma è stato come tornare a casa dopo una lunga odissea. Dopo diciotto anni sembra di ripartire da dove avevamo lasciato. Non vedo l’ora di andare in tour. Il nuovo album è davvero solido, la cosa più difficile sarà scegliere le canzoni da suonare dal vivo. Nei prossimi anni vi regaleremo dei concerti killer! Inoltre prevedo una lunga e florida carriera per la band nella formazione attuale”.



Ester Segarra signs to Season of Mist


Season of Mist are proud to announce the signing of ESTER SEGARRA. The renowned Catalan photographer has had a huge visual impact on the metal scene with countless cover-shots and promo-pictures in all major rock and metal publications with iconic pictures featuring such important acts as MAYHEM, ROTTING CHRIST, WATAIN, DARKTHRONE, ABBATH, ELECTRIC WIZARD, and many more.

ESTER SEGARRA will release her anthology photo-book, 'Ars Umbra' that comes with an original score composed by Uno Bruniusson via the label this year.

ESTER SEGARRA comments: "The anthology, 'Ars Umbra' celebrates 15 years of my music photography. Pictures and music are presented in the form of a photo-book with an added original soundtrack, which I had specially commissioned from percussionist extraordinaire, Uno Bruniusson (ex-IN SOLITUDE, DEATH ALLEY, PROCESSION). His music has been created to provide a rhythm, a mind-space that alters the experience of the book. This project has consumed me for the last two years and I am very glad and honoured to have it finally released via Season of Mist, which is most fitting; considering their eclectic roster of bands, their boundary pushing attitude and their graphic art outlet E-Kunst. Having worked many times with this label before, I know their fire is as strong as mine. The time will soon come to unleash and fuel the flames of 'Ars Umbra'!"

You may not be aware, but you already know the art of ESTER SEGARRA. For over a decade, the Barcelona-born photographer has re-imagined the visual aspect of heavy metal for GHOST, WATAIN, ELECTRIC WIZARD, CATHEDRAL, MAYHEM, KATATONIA, PARADISE LOST, AT THE GATES, CARCASS, DARKTHRONE, ROTTING CHRIST, VENOM, ABBATH, and others.

Through her lens, ESTER SEGARRA has lifted the veil on some of extreme music's most notorious players and in turn become one of the most prolific and significant contemporary music photographers.

ESTER SEGARRA started to work for the influential UK underground print outlet for extreme music, Terrorizer Magazine in the year 2001 and following from there, she had her pictures published in Metal Hammer, Decibel, Rock Hard, Iron Fist, Deaforever, This Is Metal, Close-Up among many other magazines. Ester has also accepted commissions from metal labels such as Season of Mist, Century Media, Nuclear Blast, Candlelight, Rise Above, Spinefarm , and Peaceville.

The works of ESTER SEGARRA have been exhibited for example at taste-making festivals such as Roadburn, the Netherlands and Beyond the Gates, Norway. The next opportunity to see her photography exhibited will be at the Rome Tattoo Expo in Italy's capital from the 4th to the 6th of May.

ORPHANAGE NAMED EARTH svelano i dettagli del nuovo album


I Post Metal / Sludgers polacchi ORPHANAGE NAMED EARTH svelano artwork e la copertina del prossimo album “Re-evolve”.

Due canzoni sono disponibili di seguito:
Monuments of Tomorrow




ORPHANAGE NAMED EARTH “Re-evolve” verrà pubblicato in CD/DD da ARGONAUTA Records il 20 aprile 2018. 
I pre-ordini sono arrivi QUI

TRACK-LIST:
01 Piss on Your Parade
02 Holy Hate
03 Insanity
04 Charity Everywhere
05 Romance is in the Eye of the Seeker
06 Pity this Kind
07 Orphanage Named Earth
08 Monuments of Tomorrow

L’artwork è stato realizzato da Andy Lefton (WAR//PLAGUE, TAU CROSS)

Rotten Sound reveal first track and details of forthcoming new EP


ROTTEN SOUND are unleashing the first crushing track taken from their forthcoming new EP, 'Suffer to Abuse' - not to be confused with the band's previous album 'Abuse to Suffer'. The EP will hit stores on April 13th, 2018.



The release dates coincides with the start of ROTTEN SOUND's European tour. Please find all currently confirmed dates in Asia and Europe at the bottom and contact Season of Mist for interview requests.



Vocalist Keijo Niinimaa comments: "Our new track 'Harvester of Boredom' is the first song created for this release: Sami's riffs and the lyrics are about a drug related harvesting in not-so-good conditions. This has nothing to do with Metallica - except for the nodding tribute in the title - just in case someone mistakenly thought that we wanted to comment on their efforts."

ROTTEN SOUND are furthermore releasing the artwork of 'Suffer to Abuse', which has been created by Thomas Boutet at Mush Design and can be viewed together with the album details below.



Track-list

1. Privileged (1:25)
2. The Misfit (1:53)
3. Stressed Mess (2:05)
4. Harvester of Boredom (2:01)
5. One Hit Wonder (1:19)
6. Nutrition (2:23)
7. Slaves of Lust (0:51)
Total playing time: 9:52



ROTTEN SOUND have firmly established themselves as one of the leading acts of the grindcore scene. Expertly wielding the fierce brutality and massive aggression of their genre, the Finns add intelligent songwriting, effective arrangements, and musical proficiency as well as subtle death metal elements to their sound.




Their forthcoming new EP 'Suffer to Abuse', which is not to be confused with their latest full-length album, 'Abuse to Suffer' (2016), embodies those aforementioned virtues to the point. The EP delivers seven short sharp chops that hit home perfectly.




ROTTEN SOUND was conceived in the city of Vaasa, Finland by guitarist Mika Aalto in 1993, who was soon joined by vocalist and word-smith Keijo Niinimaa. The duo still remains in place, while the original members in all other positions have been replaced several times until today. 




The Finns can field an impressive catalogue of seven highly acclaimed studio albums, now eight EPs, three split singles, a single, and a live DVD. Furthermore, ROTTEN SOUND have already conquered the stages of all major metal and hardcore oriented festivals and also toured in regular intervals alongside such renowned acts as MALEVOLENT CREATION, PHOBIA, DISFEAR CARCASS, MUNICIPAL WASTE, EXHUMED, NAPALM DEATH, and PIG DESTROYER – among many others.




With 'Suffer to Abuse', ROTTEN SOUND are gearing up their musical juggernaut just in time before crushing stages all over Asia and Europe this spring. Hold on tight and enjoy the bliss of this heavily whirling grind-tornado!









martedì 20 febbraio 2018

GRIMNER - Vanadrottning

"Vanadrottning”

Release Date: on February 9th 2018

LabelDespotz Records

Country: Sweden

Genre: Folk Viking Metal

Tracklist:
1. Vanadrottning
2. Avundas Hennes Ungdom
3. En Fallen Jatte
4. Kvallningssang
5. En Vilja Av Jarn
6. Fafnersbane
7. Vart blod, vara liv
8. Dodens dans
9. Agers Salar
10. Sangen Om Grimner
11. Freja Vakar

I Grimner sono una band svedese fondata nel 2008 che propone un’interessante fusione di folk e heavy metal. Hanno all’attivo diversi ep (tra cui l’acustico De Kom Fran Norr”) e due full lenght (“Blodshymner” del 2014 e “Frost Mot Eld” del 2016) grazie ai quali hanno guadagnato una certa popolartà in madrepatria, tanto da meritare un tour di spalla ai Korpiklaani.

Con Vanadrottning i Grimner pubblicano quello che, probabilmente, è il lavoro più maturo e completo della loro discografia. Si tratta di un concept, in cui si narra la storia della dea Gullveig e della guerra tra Aesir e Vanir.
La music passa da episodi violentissimi al limite del death metal ad altri melodici ed epici, in cui la voce del nuovo arrivato Martin Welcel fa un’ottima figura. In tutte le tracce si fa ampio uso di strumenti folk tradizionali quali cornamusa, mandola e flauto, che associati ai potenti riffs del leader Ted Sjulmark e al tappeto di tastiere (mai invadente ma sempre presente) di Kristoffer Kullberg creano atmosfere eroiche davvero coinvolgenti.

Tracce quali “En Fallen Jatte” o la title-track evocano immagini di campi di battaglia innevati e vichinghi assetati di sangue, i Bathory di “Nordland” possono essere un termine di paragone, ma i Grimner riescono comunque ad essere sufficientemente personali. 
Forse non siamo ancora ai livelli dei Tyr (campioni incontrastati del viking metal) ma Vanadrottning è nel suo genere un lavoro di tutto rispetto… 

7,5/10
Andrea

Line-up:
Ted Sjulmark – guitar, vocals (growl)
Martin Welcel – guitar, vocals (clean)
David Fransson – bass
Henry Petersson – drums
Johan Rydberg – flute, mandola, bagpipes
Kristoffer Kullberg – keyboards

www.grimnerband.com